Mafia:figlio Costa,mio padre dimenticato

"Si è avuto paura di cercare la verità". Michele Costa, figlio del procuratore ucciso dalla mafia 38 anni fa, rilancia la polemica con quella parte della magistratura che, a suo giudizio, avrebbe dovuto approfondire con maggiore determinazione le cause e le responsabilità dell'agguato. L'occasione per riaprire una vecchia ferita è la commemorazione del procuratore davanti alla lapide che in via Cavour a Palermo ne ricorda l'uccisione il 6 agosto 1980. "Ci siamo battuti all'inverosimile - dice Michele Costa - ma la memoria di mio padre è stata cancellata. L'assassinio ha tutti i caratteri di un 'omicidio strategico'. Mio padre lo ha scritto prima di morire. Esiste per questi delitti una precisa esigenza: che si sappia qual è la scaturigine, la causa, ma non si sappia mai perché. Il vecchio pg di Caltanissetta (Sergio Lari, ndr) mi ha quasi insultato perché avevo ipotizzato, peraltro con garbo, che si avesse paura a scoprire la verità. Perché è proprio la verità a fare paura nei delitti di mafia".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Nuovo Sud.it
  2. Live Sicilia
  3. Live Sicilia
  4. Palermo Calcio
  5. Giornale di Sicilia

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Villabate

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...